Le magie dell’autunno all’Archetta e monte Colonna

L’ultimo sabato utile prima del ritorno dell’ora legale andava festeggiato a dovere. Per sfruttare al meglio queste calde giornate di un pazzo ottobre e l’ora di di luce in più si parte in direzione appennino e, come al solito all’ultimo momento, si decide per la base di  Crespino da cui salire per  l’Archetta ed il Colonna. A farmi compagnia ci sono Ulisse, Roby, Krei e Pec che è reduce da un mese di inattività forzata. E’ un pò preoccupato per la tenuta delle sue gambe visto che il programma non è dei più leggeri. Sa comunque che in caso di difficoltà verrà abbandonato al suo destino con in dotazione una borraccia e una bustina di miele in attesa dei soccorsi !!

Dopo la salita su asfalto ci addentriamo dentro il bosco e questo è quello che ci aspetta: la faggeta con il suo tappeto di foglie ha qualcosa di surreale. E pensare che fino a poche settimane fa tutto era tutto un trionfo di verde.

1988a

1996a

Roby con Pec che  sembra tenere il passo .

1988c

Pedalare su questo letto di foglie da una sensazione strana ed anche i rumori sembrano ovattati quasi come quando il fondo è innevato1991aaa

Si arriva all’Archetta e tutte le volte è una nuova emozione . Ma siamo in Toscana  o in un paesaggio andino ?1989

Purtroppo l’intruso che rovina l’inquadratura c’è sempre….

1990a

Le nuvole basse vanno e vengono .

1991

Ulisse in un passaggio millimetrico , nella gola che ha dato tanto lavoro alle officine.1992aI

La vallata ad est con i suoi caldi colori  dell’autunno.

2006

Arrivati ai Prati piani incrociamo questi cucciolotti di breton di sei mesi, che non disdegnano le coccole.2012

I loro padroni si fanno un mese qua in alto a caccia, arrampicandosi con le moto da trial e alloggiando nella baracca che hanno atrezzato di tutto punto con letti a castello e ogni ben di dio (all’interno è un trionfo di salami e salsicce appese) . Si può essere o meno d’accordo sulla caccia , ma indubbiamente passare un così lungo periodo avvolti in questo contesto spettacolare, ha il suo fascino .1900

2014a

Una tavolozza di colori niente male , gli impressionisti francesi ci avrebbero tirato fuori un bel dipinto.1999

Krei in azione.

1998

Ci si trasferisce verso il monte Colonna ,  e dopo la risalita si presentano i primi momenti impegnativi.

Ecco un tentativo( fallito) di aggredire un passaggio che ancora non sono riuscito a chiudere.

2005a

Ognuno sceglie la propria linea. C’è  un pò di traffico, sembra di essere in viale Ceccarini a Riccione il giorno di ferragosto…….

1991aaaaa

La sagra del gradone.2008b2001

1901

E’ il momento di fare ritorno alla base, siamo anche in anticipo sui piani  e c’è pure tempo per la solita birra. Anche oggi splendida giornata in puro stile Marmots!

Annunci

Fun Fun Fun !!! Jumping a Prato Selva

http://video.mtb-forum.it/videos/view/3956

marmots

Quando Barto chiama…… ( tour del Monte Fumaiolo)

Si prospettava un sabato anonimo con giretto intorno a casa. I miei soliti compagni di scorribande, qualcuno per impegni coi figli, chi in sosta forzata tecnica e chi sicuramente in coma per i postumi del venerdì sera, non si erano resi disponibili per la classica uscita sulle rocce dell’appennino del sabato mattina. Grazie al web e alle segnalazioni di Ale Glassman e del mio socio Ulisse, avevo però visto lo sfizioso giretto con il grande Barto a fare da apripista . Il programmino era tosto : partenza di buon’ora, base vicino a Casteldelci, salita verso Montecoronaro , giro in saliscendi intorno al Monte Fumaiolo con sosta alle Balze e, tanto per gradire, discesina tecnica finale . Il tutto con 1500 / 1600 mt di dislivello positivo e 5-6 ore di giro da fare con bici xc. Era un’altra occasione per testare la frontina da 29 alla quale sto cercando ancora di prendere le misure abituato come sono alla 26 all mountain. Per decidere sono bastati pochi minuti ed al mattino mi sono ritrovato in questo gruppone di 15 persone dei quali ne conoscevo solo un paio….ghiotta occasione per stringere nuove amicizie 

1776

La lunga salita verso Montecoronaro, per buona parte su asfalto con un migliaio di metri di dislivello, non è neanche risultata poi tanto pesante: la temperatura era ideale e nel gruppone la fatica si sente meno. Alcuni biker mostrano subito di avere un’altro passo rispetto alla media ( c’è anche qualche reduce  “Heroe ” che potrebbe pedalare anche con una gamba sola….)

1723

1721

Nonostante il martellamento degli spot estivi contro l’abbandono degli animali ( anche quello “pesante” di Rocco Siffredi), guardate cosa hanno abbandonato in mezzo alla strada…..

1714

La sosta per una ricarica naturale è d’obbligo.

1709

Finito l’asfalto, dopo alcuni saliscendi, si affronta il tratto che porta alle Marne con una pendenza tra il 30 e il 40% ….. questa è troppo anche per i più allenati.

1726

Lo spettacolo delle Marne ; Sergio Leone se le avesse viste forse non avrebbe girato Per un pugno di dollari  in Spagna.1732

Qualcuno vuole provare i brividi della Red Bull Rampage, ma forse non è il caso….1737

Il panorama a 360°, complice anche il cielo terso, è mozzafiato.

1736

1738

Prove di discesa sul ripido1745

1744

1746

Si affrontano una serie di saliscendi nel bosco col gruppo quasi sempre compatto. Riuscire a tenere insieme tanta gente senza avere problemi non è poi così semplice.

1758

Ma il capo cordata sa il fatto suo!

1764

La pausa ristoro ci vuole…e qui ho visto gente tirare fuori panini dalle dimensioni da Guinness dei primati, alla faccia delle barrette iperproteiche!1754

Max “Pepperbike Brumotti” testa la solidità delle tavole di larice….1750

L’avvicinamento al rifugio delle Balze avviene attraverso un sentiero in mezzo al bosco che ricorda molto il sentiero dei Tedeschi  fatto poco tempo fa . Farlo con la frontina è puro divertimento.

1757

La birra al rifugio è d’obbligo

1765

Subito dopo il casuale incontro con un gruppo già alticcio di merenderos che hanno 20 litri di vino da finire  mi fa temere per la nostra incolumità nella discesa  finale. Ma si sa, negare un brindisi è da maleducati…..

1769

Inizia la parte tecnica finale ma  viene sospesa la documentazione  fotografica. Barto è partito davanti come un fulmine  ed il godimento nello stargli dietro sui gradoni e sulle pietraie non andava interrotto. La sua frontina da combattimento è un gioiellino di bricolage: telaio in acciaio,forcella da 34 con 160 di escursione, gomme da 2.40, reggisella abbassabile con comando remoto, cavi idraulici in treccia e tante altre chicchine che la mia ignoranza in materia non mi consente di apprezzare. Basta solo dire che anche le fascette per tenere i cavi sono arancio in tinta con le scritte!  Sullo sconnesso e nei passaggi ripidi  non si muove di un filo, nonostante la mancanza di ammortizzatore posteriore …. la dose di manico, che a Barto non difetta, fa poi il resto. Ho finito le braccia per non perderlo ma ho avuto dimostrazione che la mia frontina con le gomme giuste e la sella bassa è una macchina da guerra e anche sulle rocce non mi fa poi sentire tanto la mancanza della mia Full  all mountain.  

 Rocce che non sono proprio il massimo per le bici xc e per pizzicare  la spalla della gomma basta poco. Max deve porre rimedio in una delle poche soste tecniche.

1780

Finalmente il guado finale dell’arrivo.1782

A giudicare dalla faccia sembra che Ale si sia divertito….. 

1792

  Ed ecco la guida che non  cura  solo l’igiene personale ma anche quella della sua bambina con l’impianto/doccia portatile….. quando nulla viene lasciato al caso!

1799

Il bilancio finale è da 10 e lode, d’altronde  è noto che Barto è una garanzia.Non finirò mai di ringraziarlo. Grande giornata e grande divertimento! Tutto è andato liscio , i guai si sono limitati al minimo sindacale senza causare rallentamenti e non è poco quando si è in tanti. Resta solo il rammarico di non aver potuto conoscere a fondo tutti i partecipanti ma sono sicuro che ci saranno altre occasioni. Grazie a tutti ed alla prossima avventura!!

Cesare

Oggi le comiche………

I Marmots ed alcuni loro amici di scorribande immortalati in alcune situazioni di equilibrio precario……

Crazy Marmots

Un’esperienza Zen (ovvero, come trovare l’armonia nel Sentiero dei tedeschi)

  Non è da molto tempo che abbiamo scoperto la bellezza della bici con le ruote fat , (il virus  ha colpito la maggior parte del nostro gruppo solo da 4-5 anni) ciò nonostante siamo presto passati a prediligere i percorsi  con rocce e gradoni, da affrontare con spirito trialistico, rispetto alle uscite più lineari da effettuare con le front. Una pausa di disintossicazione però ogni tanto non guasta e un bel giro nel Sentiero dei tedeschi nei pressi di Camaldoli, è il giusto toccasana. Per chi va in Mtb da queste parti questo sentiero rappresenta uno dei più bei percorsi da fare in tranquillità e con un contesto che non ha pari. Si possono passare ore senza mai vedere il sole immersi in faggete e tutte le altre piante ad alto fusto tipiche di questi luoghi. Quando al mare la temperatura è vicina ai 35 gradi, questo è il posto ideale per venire a prendere il fresco. Può anche capitare che il classico temporale estivo porti la temperatura ad abbassarsi di colpo anche di 15 gradi, e se non si è attrezzati con l’abbigliamento giusto(come è successo a me ed Ulisse un paio di anni fa) sono dolori . Arrivare alla macchina dopo 3 ore di pedalata sotto il temporale, con la maglia smanicata, e dover accendere il riscaldamento a manetta in Agosto,  non è proprio una gran bella esperienza!

Nell’uscita che vi documento erano con me Krei ed Ulisse.

CIMG1689

L’invaso della diga di Ridracoli visto dall’alto.

CIMG1694

 Un angolo di paradiso…..CIMG1697

La vista non è per niente male.

CIMG1701 

Una piccola divagazione rocciosa ci sta: quella vecchia volpe di Ulisse, nel tracciare il giro,  ha inserito una inedita deviazione verso Moggiona che si è rivelata la ciliegina sulla torta di una piacevole giornata.

988

Il paese un tempo era noto per i Bigonai ovvero artigiani che producono oggetti in legno di castagno locale . Ne è rimasta una bottega.CIMG1706

Qui l’intruso è Krei e, dall’atteggiamento, questo splendido puledro allo stato brado si starà chiedendo che ci fà da queste parti questo tizio bardato in maniera strana.

CIMG1712

CIMG1727 

Il sentiero è tutto un saliscendi , la leggera pendenza e l’assenza di settori impegnativi ne fanno un percorso adatto  a bikers di qualsiasi capacità purchè sufficientemente allenati.

998

Qualche tratto deve essere affrontato a piedi a causa degli smottamenti invernali.

CIMG1737

Il bosco si presenta in tutta la sua imponenza

CIMG1742

A giudicare dall’espressione  sembra che Krei ed Ulisse  che abbiano gradito.

CIMG1703

Alla prossima avventura… stay tuned!

                                                                                                                                           Cesare

Attraverso la Val Cavaliera, ( o il bosco delle fate?) e poi via di freeride per Lagune..

Da un pò di tempo sentivo parlare di questa Val Cavaliera, mi ero perso l’uscita precedente nella quale i miei compagni di ventura vi erano passati attraverso. Tanto per non farci mancare nulla il menù prevedeva anche di attaccarci la discesa delle Lagune Freeride ( con tanto di salita di Casette di Tiara) .  Per poter completare il giro era però necessario partire di buon’ora e puntare la sveglia alle 5 e mezza non mi entusiasma poi tantissimo…..

Il gruppo si annunciava bello carico . Alle cinque marmotte si sarebbero  aggiunti per strada anche Davide e Alex  e poi  a Quadalto  era previsto il meeting point con Teddy e Marco . Un bel gruppo eterogeneo con diversi livelli di abilità. Una tiratina d’orecchi subito a Davide e Alex che si fanno attendere al casello….Immagine

Si parte dal bar di Quadalto per una salita meccanizzata, visto che abbiamo tre mezzi ed il giro si annuncia impegnativo è meglio risparmiare le energie e tempo. Notare a sinistra il nostro adesivo sul pick up di Teddy sulla stessa linea di quello della Senio Bike e della val Lamone MTB….ragazzi siamo col gotha del MTB !!!! Ma ce lo meritiamo??

Immagine

Immagine

Nel frattempo ci raggiunge anche il Gambero che conosciamo solo di fama. Si dice di lui che  dopo una nottata a fare interventi come pompiere si faccia tranquillamente un’uscita impegnativa in bike senza battere ciglio.

Immagine

Si prende la direzione verso il mulino dei Diacci incrociando di continuo il torrente Rovigo che è ancora carico di acqua.

Immagine

Immagine

Roby attraversa lo scenario naturale della cascata dell’Abbraccio.

Immagine

Tutta la valle è un trionfo di muschio, non sufficiente ad intimorire Marco.

Immagine

Stare in piedi in queste condizioni è però veramente un’impresa… Ulisse ci prova.

Immagine

 Teddy ci impartisce lezioni  d’equilibrio .

Immagine

Continuano i passaggi per nulla banali.

Immagine

Il Gambero non perde occasione , da buon scalatore, di fare free climbing…. però farlo tuffandosi dalla bici è un pò troppo!!!

Immagine

La bellezza di questa vallata bisogna guadagnersela anche a piedi, forse è per questo che non è molto trafficata.

Immagine

Immagine

Immagine

La foto di rito davanti a questa prova della forza della natura.

Immagine

Si riparte verso Casette di Tiara.

Immagine

Immagine

La salita è fra le più toste che ci sono in questi luoghi e, a poco a poco,  mette in ginocchio tutti quanti….

Immagine

….tutti tranne uno! Zio Teddy non molla mai!!

Immagine

1119

Dall’alto la vista è qualcosa di speciale.

1122

Dopo tanta fatica ci siamo guadagnati il Lagune e ricomincia il divertimento… 

La scioltezza di Teddy.

Immagine

E vai di nose press.

Immagine

Immagine

Immagine

1154

8994907705_9a246fc6a3_b[1]

Lagune è una discesa molto tecnica….sicuramente da rifare per apprezzarne a fondo tutte le difficoltà.

Immagine

Alla fine ci siamo fatti anche oggi le nostre 5-6 ore di escursione ed è venuto il momento del premio finale….. delizie di toscana e  bionda a volontà!!!

Immagine

E per finire … il video!

Cesare

Che spettacolo! Su e giù per i Faldi e i crinali di Gamogna….

Sono quasi cinque anni che andiamo in bici per sentieri , abbiamo esplorato ormai quanto di meglio esprimono  la Romagna, le Marche e la Toscana ma ancora ad ogni uscita non finisco mai di stupirmi di quanto questi luoghi possano emozionare. Avevamo da parecchio nel mirino quest’area che sovrasta Marradi in Toscana ed aspettavamo l’occasione giusta.

Il fatto di poter avere guida d’eccezione ha fatto scattare la molla: Stefano “Zio Teddy” si era reso disponibile per una mezza giornata.  Godere della sua compagnia e approfittare delle sue conoscenze dei luoghi ne faceva  una occasione da non perdere.Ci sono persone che rimpiangi non avere conosciuto prima nella vita. Stefano fa parte di questa categoria.

Il programma era tosto: prima  i Faldi e poi i crinali di Gamogna . Dislivello positivo di circa 1700 metri con percorso da fare  in cinque/sei ore. La parte che mi preoccupava di più era il dover valicare alcuni passaggi con la bici  sulla mia spalla non ancora completamente recuperata, ma sapevo anche che grazie al  lavoro della mitica Gabry ( la fisioterapista che mi ha seguito in questi mesi) ce l’avrei potuta fare.

Lasciate le macchine di fronte alla stazione di Marradi il gruppo composto  anche da Krei, Ulisse, Roberto, Alessio e guidato da Stefano, ha preso la salita che porta ai Faldi .La strada è contornata da robinie in fiore che a queste altezze sbocciano pìù tardi rispetto ai sentieri al livello del mare dove siamo abituati a vederle.Dopo poco, questo era un anticipo di quello che la  giornata  ci avrebbe proposto….

890

892

Ogni tanto una pausa per godere di quanto madre natura generosamente ci offre da queste parti.

894

895

897a

Stefano ci indica tutti i crinali di fronte a noi…è il nostro parco giochi dove abbiamo fatto tante uscite. E’ impressionante come li conosca uno ad uno.899

“Ecco i Prati piani, l’Archetta, il Monte Colonna”. E’ bello poter visualizzare in un sol colpo le creste dove abbiamo passato giornate  che resteranno sempre nella memoria. 898

900a1

La salita è stata dura, ma il fisico non deve patire…. ci pensa  il forno di Marradi che ci propone queste delizie.903a

Inizia il carosello, si alternano tratti di arenaria con parti di sentiero in mezzo al bosco ancora umido. 905a

906

In questo passaggio un pochino esposto per fortuna qualcuno fa da  sponda umana ad Ulisse che ci prova……

911b

910aa

Poi è il  turno di Stefano che ci  regala  un nose press per niente facile sul terreno reso umido dalle recenti piogge.

915

Anche Krei e Roby se la cavano egregiamente in questo toboga.

917a

917d

918c

Stefano apre la strada, Ulisse segue a ruota e io…….rincorro ! D’altronde qualcuno deve pur documentare….

918d

919

Alla fine del primo tratto Stefano ci lascia al nostro destino , senza non prima averci catechizzato su come affrontare i crinali di Gamogna. E’ il momento topico degli integratori al luppolo e dei saluti.

921c

Si riparte per la seconda tratta e dopo la prima parte su asfalto si prosegue su sentieri chiusi e battuti dai bovini.

924

Le condizioni sono ideali: leggera brezza, temperatura giusta, il sole che ogni tanto si affaccia.Il panorama è da mozzare il fiato, non si vede nulla che non sia verde ruotando la vista a 360°.

926.

927

Il sottobosco è bagnato, in ogni gola scorre acqua.

926b

Dopo un tratto in forestale si arriva all’eremo di Gamogna. L’allegra combriccola fatica a rispettare la regola del silenzio a cui  si è invitati  con cartelli intorno a questo ambiente di meditazione e preghiera. Anche per un agnostico come me questi luoghi hanno un certo fascino . La struttura originaria è dell’anno 1000 . Si nota che è stato recentemente restaurato. All’interno ci dovrebbero essere le monache ,  i prati circostanti sono tenuti con cura.

928

928a

929

Dopo la pausa di “meditazione” ci aspetta la parte più dura della giornata.  I crinali vanno scavalcati e le pendenze  sono anche del 60 % , impegnative da fare anche con le bici a spalla visto che si cammina sulla cresta e i fianchi sono esposti.

935a

937

938

939

Krei e Alessio sono in apnea, per un’ora non parlano e  guai a guardare ai lati!! Nessuno gli aveva detto che avrebbero dovuto fare bike alpinismo….

941.

945.

Il premio a tanta fatica.

946

948

Se si vogliono ricaricare le batterie dopo una settimana di stress questo è  sicuramente il posto giusto.

957.

In alto c’è un puntino con due ruote che  si integra bene col paesaggio.

960.

Le arrampicate si alternano alla discesa che, anche se alza il tasso di adrenalina visto che i crinali sono tutti esposti,  fa comunque riprendere fiato.

961

965

966a

972a

Le discese sono sempre nella modalità “sul filo del rasoio”.

973

974a 1

973a 2

Per cinque volte abbiamo superato le cime zavorrati dalla  bici e dallo zaino . Abbiamo disceso le rispettive creste in mezzo a uno scenario da favola. Poi il  bosco di faggi, querce e castagni  ci accompagna fino a quasi in paese.

977

976

978

Un doveroso omaggio a chi ha saputo vincere le proprie paure per il vuoto. Non è facile fare una uscita come questa con questo piccolissimo problema!Krei ed Alessio siete dei grandi!976a

i video

Questo fantastico giro è sicuramente da inserire nei primi posti fra quelli fatti finora, con un giusto mix fra tutti gli ingredienti che cerchiamo. Lo spettacolo del monte Gamogna con le sue rocce erose inoltre  lascia il segno. Alla fine siamo  stanchi ma appagati da tante emozioni. Grazie amici!!!

Cesare